ApPizza una applicazione per le pizzerie

ApPizza una applicazione per le pizzerie

Appizza l'applicazione per smartphone
GoLive:
febbraio 2013
Android
IOS
ApPizza è un’applicazione per Android e IOS che permette la gestione degli ordini di pizze per asporto.
L’applicazione è personalizzabile con le informazioni della pizzeria e quindi verrà realizzata un app per ogni pizzeria sia per Apple che per Android.
Il cliente potrà effettuare l’ordine sia compilando un modulo con il menù e i costi, sia dettando l’ordine “a voce” ed inviando così il suo messaggio per email, così facendo non si costringe il cliente ad attese e non si corre il rischio di perdere ordini per “telefono occupato”.
L’ordine può essere effettuato sia compilando un form con il menù e i prezzi sia registrando dallo smartphone un messaggio che sarà poi inviato per posta elettronica.
Opzionalmente la pizzeria potrà decidere di farsi inviare un sms con alert di ordine ricevuto, così da verificare immediatamente nel programma di posta la ricezione dell’ordine.
Tra le funzionalità il cliente ha la possibilità “aspettando la pizza” di giocare nell’app o scaricarsi dei giochi che vengono di volta in volta proposti.
Caratteristiche ApPizza
Appizza si compone di:- splash page (pagina di benvenuto)
– pagina con funzionalità carrello elettronico per l’ordinativo delle pizze
– pagina con funzionalità di ordine vocale con invio messaggio per email
– home page con banner a rotazione con sei foto o immagini
– pagina contatti e maps google
– pagina “gioca con noi aspettando la pizza”
– messaggistica push
30 giorni di messaggi push gratuiti

Push e offerte last minute
Quest’ultima esigenza è forse una delle funzionalità più interessanti di un APP, infatti grazie alla tecnologia PUSH potrete inviare in tempo reale un messaggio a tutti i possessori della vostra APP per invitarli ad eventi o per offerte last minute.
Il servizio attiva una pagina riservata sul sito www.netlapp.it dove il cliente potrà inserire un messaggio che verrà recapitato immediatamente a tutti i possessori dell’app.

 

 

Share